Archivio Giugno 2007


Tanti Auguri alla mia Grande Voglia di Vivere

Tanti Auguri al Mio Sorriso

Tanti Auguri alla Mia Pazienza

Tanti Auguri al Mio Altruismo

Tanti Auguri alla Mia Grande Forza d’Animo

Tanti Auguri alla Mia Dolcezza

Tanti Auguri a Me
Per i Miei 38 anni.

Comments 12 Commenti »


Dimenticarsi di una persona

penso sia impossibile…

E’ come lasciare una conchiglia

sulla spiaggia…

le onde la porteranno via,

ma nel mare ci sarà sempre…

Comments 11 Commenti »


Le parole accarezzano,
scavano,
baciano,
stringono,
feriscono,
dissetano,
incantano,
dipingono,
straziano,
uniscono,
dividono,
evocano?

Le parole sono timbri, intrecciati in colori trapunti di Vita, nella traccia impressa nell?anima prendono vita in suoni, trattenuti nei solchi che la puntina della memoria smalta in tinte sfumate.
Nel silenzio diventano la voce del cuore che ascolta e ne assorbe l?odore, quasi una scia da seguire, per trovare l?impronta di sé.

Le parole sono immagini, istanti che attraversano gli occhi in onde di calore.
Le parole sono rugiada, sciolta nella pelle.
Le parole siamo noi, fili sottili attraversati dalla luce.
Le parole sono la voce del silenzio

Comments 4 Commenti »


Non è semplice descrivere un’emozione

L’emozione è sentirsi amati,cercati,protetti..
L’emozione di uno sguardo,di un bacio,di un “Ti amo”…

Un’emozione è quel caldo brivido che si prende gioco di te,che ti avvolge,ti sconvolge..
è quel valore aggiunto in ogni tua giornata,
è quel pensiero che ti culla prima di addormentarti..

E’ quel preciso attimo che rivivresti 1000 volte..
è quella piccola parte d’amore che ogni singolo attimo ti regala..

Una..cento..mille
sono le emozioni che la persona amata puo’ donarti e che tu puoi dare a lei..

Emozioni che hanno una sola cosa in comune..
sono uniche

Comments 4 Commenti »


Tutto ok, non preoccupatevi!!
Buon giovedì a tutti.
Vi Voglio Bene.

Comments 9 Commenti »


…E ti accorgi che ti fai in quattro per sentirti utile, ma ti sembra che nessuno se ne accorga…
ma sai che non è così…

…E ti accorgi che ti autoconvinci che stasera qualcuno abbia voglia di passare un pò del suo “tempo libero” con te…
ma sai che non è così…

…E ti accorgi che forse non sei ancora così importante per sostituire un pizza all’uscita dalla piscina
ma sai che non è così…

…E ti accorgi che forse dovresti continuare a tenerti tutto dentro…
ma sai che non è così…

…E ti accorgi che forse sei tu quella sbagliata…
ma sai che non è così…

…E ti accorgi che ti scende una lacrima sul viso…
ma sai che è così…perchè poi ne scende un altra e poi un altra ancora e ancora un altra

Comments 7 Commenti »


Io sono un albero di mela…..
No non sono impazzita, non potrei mai diventarlo….. perchè son già matta di mio.

Sono un albero di mela perchè sono nata il 30 giugno,
quindi tra il 25 giugno e il 4 luglio = Albero di Mela.

Cercate anche voi che albero siete, guardate il fondo al mio post, troverete il link del blog della cara Alessia dove è spiegato tutto.

Buona ricerca.

P.S. Lasciate un messaggio ad Alessia dopo aver letto il post, le farà piacere, visto che il post mi pare molto carino.

Riferimenti: BLOG DI ALESSIA, DOVE TROVERETE IL TEST DEGLI ALBERI.

Comments 10 Commenti »


Tutto ok gente, ogni tanto pure io ho i miei momenti di sconforto, questo non significa che perda il mio ottimismo, anzi, solo che il mio cuoricino ogni tanto “piange” e bisogna farlo sfogare, se no poi scoppia e poi sono guai eheh.

Buona settimana a tutti

Comments 7 Commenti »


Solo voglia di piangere…..

Comments 8 Commenti »


Secondo il Congresso nazionale dei farmacologi, la depressione colpisce un italiano su tre e bisogna intervenire in tempo. Spesso però sono i medicinali a peggiorare la situazione…

E? considerata il male del secolo. Colpisce soprattutto le donne e, secondo le previsioni dell?Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2020 rappresenterà la seconda patologia invalidante dopo le malattie cardiovascolari. Il quadro emerso dal 33° Congresso nazionale dei farmacologi parla di cifre allarmanti: oggi soffre di depressione un italiano su tre e almeno altrettanti sono i malati che non sanno di esserlo.
La depressione non è solo uno stato di malinconia noto fin dall?antichità, che rende incapaci di affrontare i rapporti sociali e le più piccole difficoltà della vita quotidiana. E? una malattia che colpisce il cervello: nei pazienti si rileva una riduzione del 20% dell?ippocampo, l?area responsabile del controllo delle emozioni, della memoria e delle risposte dell?organismo allo stress. Per restituire all?ippocampo le sue dimensioni originarie si utilizzano la psicoterapia e gli antidepressivi. Ma bisogna intervenire in tempo, altrimenti la malattia può indurre delle modificazioni morfologiche difficili da far tornare indietro anche con l?uso dei più efficaci medicinali.
Una delle più recenti conquiste della scienza riguarda un farmaco a base di venlafaxina, da anni in commercio in Italia, che ha dimostrato di poter azzerare i sintomi; la vera novità è che con una terapia lunga si evitano le ricadute. Secondo molti psichiatri, infatti, la malattia non deve essere trattata solo nella fase acuta ma, nella metà dei casi di depressione grave, la prescrizione dei farmaci deve andare avanti per lunghi periodi, anche per anni.
“Le alterazioni del tono dell?umore (avvertono gli esperti) vanno considerate un grave problema sociale che richiede un efficace intervento medico”.
Un richiamo lecito; tuttavia altrettanto lecita è la domanda: “Forse la depressione è diventata la malattia ideale per dare una spiegazione rapida a sintomi ambigui?”.
“Lei è depresso”, questa è la frase che si sente più spesso di fronte ai segnali più disparati. E così gli antidepressivi, o ?pillole della felicità? per dirla all?anglosassone, stanno diventando roba da tutti i giorni. E? vero, la depressione è difficile da diagnosticare. Tuttavia, per non cadere in errore, i medici dovrebbero seguire criteri oggettivi che prevedono sintomi concomitanti e in numero elevato. Solo allora dovrebbero prescrivere gli psicofarmaci, per evitare che i problemi possano diventare più gravi. Proprio a causa delle medicine.
Soluzioni efficaci per le forme più lievi di depressione (e qui parliamo di piccole crisi di malumore, senso di irritabilità e svogliatezza) possono arrivare direttamente dalla natura: grazie all?aiuto di un bravo naturopata potremmo provare gli oli essenziali e i fiori di bach più giusti per riequilibrare l?umore. E poi, perché non attivare la serotonina del nostro organismo con 20 minuti di corsa leggera al giorno o con una bella colazione a base di frutta, caffè, cereali, ma anche ricotta, uova o prosciutto? Aspettare che il malumore passi da solo è inutile: per ritrovare il sorriso ci si può concentrare su un nuovo progetto o inventare un piacevole diversivo, magari un corso di danza o di cucina. In molti casi scelte come queste aiutano a guarire o a ridurre i farmaci.

Comments 18 Commenti »